L’industria della sponsorizzazione in Italia, nel 2022, è cresciuta del +8,2% rispetto al 2021. Il valore degli investimenti ha raggiunto quota € 1,085 miliardi. La 22^ 
Indagine Predittiva “Il Futuro della Sponsorizzazione”, realizzata da StageUp e ChainOn prevede che, nonostante la congiuntura sfavorevole e le forti incertezze legate alla guerra in Ucraina, per il 2023 ci sarà un’ulteriore  modesta crescita degli investimenti fino a € 1,102 miliardi (+1,6%), crescita sospinta da cultura, intrattenimento e sociale. Il ritorno del mercato ai livelli pre-pandemici è previsto nel 2026.


Nel corso del 2022 sono stati investiti € 768 milioni in sponsorizzazioni sportive con una crescita del +2,1%rispetto al 2021.  Sul risultato hanno pesato l’eliminazione dell’Italia dai Mondiali di Calcio e una raccolta legata alle Olimpiadi 2026 non pari alle attese. Leader per raccolta è la Serie A di Calcio (61% di quota sul totale sport) seguita da Serie A di Basket (8%), Serie B di Calcio (6%), Volley Maschile Serie A 



(4%). Da un punto vista geografico gli investimenti al 70% si concentrano al Nord. Nel 2023 è prevista una sostanziale stabilità degli investimenti (-0,5% a € 764 milioni) in ragione della complessiva economica e delle dinamiche interne al settore, come una soglia d’accesso ai top club calcistici ritenuta eccessiva da molti investitori e la crisi dell dilettantistico.  


                   

La ricerca 2022 mette in forte risalto la crisi delle società sportive di base. I dati evidenziano, rispetto un 2019, una contrazione dei ricavi da sponsorizzazioni del 70%, nonostante i provvedimenti governativi sul credito d’imposta del 50% sugli investimenti nel 2022 (come peraltro già negli anni 2020 e 2021). A questo dato, già di per sé indicativo, si unisce la contrazione delle entrate per corsi sportivi. Istat stima che nel 2021 solo il 12,7% delle famiglie residenti in Italia (3 milioni 300 mila) ha sostenuto spese per attività sportive (erano il 22,9% nel 2019). Si prevede che, in assenza di interventi di accompagnamento da parte del Governo e delle Regioni, 20.000 società sportive, il 23% del totale, chiudano o ridimensionino l’attività.


“Il mercato della sponsorizzazione nel 2022 ha continuato la sua ripresa con una crescita molto più marcata nei comparti di “cultura e spettacolo” e “sociale”. Lo sport però si conferma leader col 71% degli investimenti complessivi.” spiega Giovanni Palazzi “nel 2023 il settore sportivo manterrà una sostanziale stabilità grazie alla crescita dell’interesse degli investitori per basket, volley, tennis, golf e atletica di vertice. La ricerca mette in luce le difficoltà dello sport di base; in questa prospettiva riteniamo che alcuni provvedimenti governativi siano necessari per consentire un passaggio a organizzazioni dilettantistiche più manageriali e sostenibili, preservando le positive ricadute sociali, economiche e sulla salute dei cittadini. Tra queste possibili misure riteniamo di particolare importanza quelle, per l’incentivazione della pratica sportiva, con bonus per le famiglie più disagiate e detrazioni fiscali più ampie per le quote d’iscrizione a corsi, e il credito d’imposta per gli investimenti in sponsorizzazioni, che andrebbe reso strutturale.”


6 predizioni per il 2023


All’interno dell’Indagine  sono contenute 6 predizioni per il comparto sport nel 2023:

 
1) L’affermazione del Metaverso
2) Blockchain e Intelligenza Artificiale cambieranno le sponsorizzazioni
3) Lo streaming continuerà a cambiare lo sport
4) Il digitale sarà sempre più dominante
5) Lo sport sarà sempre più al femminile
6) L’accelerazione del legame tra sport e sociale.